studio-notarile-notaio-torino

Accettazione di eredità a Torino e Moncalieri

martuccifavicon
Le basi dell’eredità: cosa devi sapere

Quando si parla di eredità, è fondamentale avere una conoscenza di base su ciò che comporta. Innanzitutto, l’eredità riguarda la trasmissione dei beni e dei diritti di una persona defunta ai suoi eredi. È importante sapere che l’accettazione dell’eredità può avvenire in due modi: in forma espressa, attraverso una dichiarazione scritta al notaio o al tribunale, o tacitamente, quando il beneficiario compie atti che implicano l’accettazione dell’eredità stessa. Inoltre, bisogna essere consapevoli dei rischi che possono derivare dall’accettazione di un’eredità, come ad esempio l’assunzione di debiti o la responsabilità per eventuali azioni legali pendenti.

Pertanto, è sempre consigliabile consultare per l’eredità uno studio notarile, come quello di Filippone a Torino e Moncalieri, esperto nel settore delle successioni, prima di prendere qualsiasi decisione. Un notaio qualificato sarà in grado di fornire consulenza legale e guidare nel processo di accettazione o rinuncia all’eredità, garantendo che i diritti e gli interessi degli eredi siano tutelati.

eredità-torino-notaio-successioni

La trascrizione dell’accettazione di eredità a Torino, Moncalieri e provincia

La successione si apre con la morte di una persona, la quale lascia, quali chiamati all’eredità i propri parenti più prossimi, figli e/o il coniuge (successione legittima o per legge), se non esiste un testamento. Se esiste un testamento, la successione è testamentaria, in quanto il chiamato all’eredità (erede), può essere istituito con testamento; se il testamento prevede l’assegnazione di beni determinati ad una persona (per es. un alloggio) è un legato.

I chiamati all’eredità diventano eredi solo con l’accettazione dell’eredità, che deve essere fatta con atto notarile entro 10 anni dalla morte; l’accettazione dell’eredità può essere tacita quando si effettuano atti che presuppongono la volontà di accettare l’eredità, quali la vendita di un bene ereditario o l’incasso di denaro da un conto corrente intestato al defunto

Con l’accettazione di eredità si diventa eredi e responsabili anche per i debiti del defunto e se ne risponde con il proprio patrimonio; se si vuole evitare tale eventualità occorre fare l’accettazione dell’eredità con beneficio di inventario che consente di tenere separato il patrimonio del defunto dal proprio, evitando di dover rispondere di eventuali debiti del defunto con il proprio patrimonio.

Tale è la fase civilistica della successione di esclusiva competenza del Notaio, che di fatto è spesso trascurata, in quanto si procede solo alla Dichiarazione di Successione che è solo un adempimento fiscale da effettuare entro un anno dalla morte, per versare le imposte dovute allo Stato, ma non assicura la proprietà dei beni caduti in successione.

ACCETTAZIONE DI EREDITÀ CON O SENZA BENEFICIO D’INVENTARIO

Il chiamato all’eredità, comunemente detto erede, ha per legge 10 anni di tempo per accettare o rinunciare all’eredità, salvo che sia posto un termine più breve dall’Autorità Giudiziaria. Nel caso l’erede sia nel possesso dei beni ereditari ha solo tre mesi di tempo per decidere se accettare con beneficio d’inventario o rinunciare; decorso detto termine viene considerato erede puro e semplice.

L’accettazione di eredità può essere semplice o con il beneficio dell’inventario: nel primo caso l’erede assume a proprio vantaggio tutti i beni e attività dell’eredità nonché a proprio carico le passività, nel secondo caso eredita tutti i beni, ma risponde dei debiti solo fino alla concorrenza dell’attivo ereditario, senza che possa essere intaccato il proprio patrimonio personale.

L’accettazione dell’eredità può anche essere tacita, quando l’erede effettua una operazione su beni ereditari che presuppone la volontà di accettare l’eredità, quali l’alienazione di beni ereditari, ad es. un immobile, un contratto di locazione registrato, incasso di somme da conti correnti o rapporti bancari intestati al de cuius o altre operazioni equivalenti.
Allorchè si è accettata l’eredità, sia esplicitamente, con atto di accettazione, sia tacitamente, non v’è più possibilità di rinunciare all’eredità.

E’ quindi importante valutare bene prima di effettuare qualsiasi operazione su beni ereditari se tali operazioni integrino accettazione tacita di eredità, con la conseguente obbligazione di provvedere alla estinzione di tutte le passività ereditarie, coinvolgendo anche i propri beni personali.

Nei casi dubbi è consigliabile cautelativamente provvedere a stipulare l’accettazione di eredità con beneficio di inventario con atto notarile ed eseguire l’inventario con l’ausilio del Notaio e la conseguente liquidazione dei beni ed i pagamenti dei debiti ereditari.
Se fra gli eredi vi sono dei minori l’accettazione con beneficio d’inventario è obbligatoria per legge.

Rinuncia all’eredità: quando è opportuno e come procedere

La rinuncia all’eredità è un’opzione che può essere presa in considerazione quando si eredita un patrimonio che potrebbe comportare più svantaggi che vantaggi. È opportuno considerare la rinuncia quando l’eredità comprende debiti significativi o responsabilità legali che potrebbero gravare sul beneficiario. Inoltre, se il valore dell’eredità è inferiore ai costi legali e fiscali associati alla sua gestione, la rinuncia potrebbe essere una scelta sensata. Per procedere con la rinuncia, è necessario sottoscrivere un atto notarile di rinuncia presso lo Studio Notarile Filippone già Martucci a Torino o Moncalieri.

Il Notaio Filippone fornirà le informazioni e la consulenza necessarie per compiere questa decisione in modo corretto e conforme alla legge. È importante prendere in considerazione tutti gli aspetti finanziari e legali prima di optare per la rinuncia all’eredità, poiché una volta effettuata, non sarà possibile tornare indietro sulla propria decisione.

Lo Studio Notarile a Torino e Moncalieri: il tuo punto di riferimento per le successioni

Lo Studio Notarile di Filippone già Martucci a Torino e Moncalieri è il punto di riferimento per tutte le questioni legate alle successioni. I notai specializzati in eredità offrono servizi professionali e competenti per garantire una gestione efficace delle questioni patrimoniali dopo la morte di una persona. Presso lo Studio Notarile del notaio Filippone, i professionisti esperti forniscono assistenza nella redazione di testamenti, nell’accettazione o rinuncia all’eredità e nella divisione dei beni tra gli eredi.

Grazie alla loro conoscenza approfondita delle leggi italiane sulle successioni, i notai sono in grado di guidare le famiglie nella pianificazione successoria e nella risoluzione di eventuali controversie. Inoltre, lo Studio Notarile a Torino e Moncalieri offre un servizio personalizzato, adattato alle esigenze specifiche di ogni cliente.

Approfondimenti sui testamenti e successioni:
Successione Mortis Causa

SUCCESSIONE MORTIS CAUSA In caso di morte di una persona si apre dalla data di morte la successione: i rapporti giuridici già facenti capo al defunto, sia attivi (proprietà) che passivi (debiti) si trasferiscono agli eredi, i quali acquisiscono tale qualità solo con...

leggi tutto
Successione legittima o ex lege (senza testamento)

SUCCESSIONE LEGITTIMA O EX LEGE (SENZA TESTAMENTO) Se chi muore lascia solo il coniuge, a quest’ultimo spetta l’intero patrimonio, a meno che esistano fratelli o sorelle o ascendenti del defunto, ai quali spetta un terzo del patrimonio. Se il defunto lascia il coniuge...

leggi tutto
Diritti riservati ai legittimari (C.D. “LEGITTIMA”)

DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI (C.D. “LEGITTIMA”) La legge prevede che una quota di eredità, anche in presenza di testamento, debba essere riservata al coniuge, ai figli e/o nipoti diretti o agli ascendenti (genitori). Se chi muore lascia solo il coniuge a questi è...

leggi tutto
×